Left Continua con gli acquisti
Il tuo ordine

Non hai nessun articolo nel carrello

Prova questi prodotti a 1€:
€1,00 €2,80
€3,50
Mostra opzioni
Rafano Lucano Fresco

A Carnevale il rafano lucano su tutto vale

Si avvicina il Carnevale e si avvicina il tempo della rafanata in Basilicata. 

Del rafano, detto anche cren o barbaforte, si utilizzano in cucina le radici. 

I lucani lo utilizzano ed apprezzano molto soprattutto nel periodo in cui si raccoglie fresco, cioè in autunno ed inverno, in diverse preparazioni culinarie: dalla tipica rafanata (frittata con salsiccia e rafano grattugiato) all’utilizzo come condimento al posto del formaggio o insieme a questo su un bel piatto di pasta al ragù (indicati i ferri elli). In entrambi i casi il rafano è utilizzato grattugiato, anche grossolanamente. 

Alcuni chef lo utilizzano anche sul pesce arrostito o al forno. 

Se ne fa anche una salsa (salsa di cren) da utilizzare quando ormai passa il tempo naturale per averlo fresco. 

 

Sulle proprietà benefiche di questa radice diverse e autorevoli fonti ne decantano le qualità. 

Povero di calorie è molto ricco di vitamina C (nota per aiutare sistema immunitario, formazione del collagene, riduzione della stanchezza, assorbimento del ferro). Ne contiene più dell’arancia e più del kiwi. 

E’ anche:

  •         fonte di potassio (sistema nervoso, funzionalità muscolare, pressione sanguigna)
  •         fonte di fibre (regolazione del transito intestinale, sazietà)

Ed infine contiene:

  •         calcio
  •         magnesio
  •         antiossidanti
  •         glucosinolati (composti con proprietà antitumorali)

 (Fonte: Louis Bonduelle Foundation)

 

Ultima chicca: sembrerebbe che, come testimoniato dal filosofo greco Demostene (quarto secolo prima di Cristo), sia anche un energico afrodisiaco.

Acquista qui il rafano lucano fresco

Lascia un commento

Nota bene: i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione.