Left Continua con gli acquisti
Il tuo ordine

Non hai nessun articolo nel carrello

Prova questi prodotti a 1€:
€1,00 €2,80
€3,50
Mostra opzioni
tradizione lucana piccillato

Tradizioni Lucane a Pasqua: il Piccillato

l re dei prodotti lucani a Pasqua? Prova il piccillato!

Nel periodo pasquale non mancano i dolci e i rustici della tradizione, amatissimi da chi conosce quei sapori da sempre, ma anche da coloro che hanno avuto la fortuna di scoprirli. Una delle specialità più note in assoluto nel territorio lucano è il piccillato, che nelle sue varianti dolce e salata non può assolutamente mancare sulle tavole lucane!

Il Piccillato lucano: il pane di Pasqua dell'antica tradizione contadina


Il Piccillato, o Picciddato, è una sorta di colomba pasquale decorata in superficie con uno o più uova intere. Il termine proviene dal latino "Buccellatum", a conferma delle sue origini antichissime. Si tratta di una sorta di ciambella di pasta lievitata, dolce o salata, liscia o intrecciata, il cui impasto viene realizzato con aggiunta di olio d'oliva, strutto e uova. Un uovo intero, simbolo della Pasqua, ne decora la superficie. Uova e sugna, invece, ne caratterizzano il sapore e il colore: si presenta, infatti, come un pane a pasta gialla, dal sapore delicato ma avvolgente, che piace a grandi e piccini. Come da tradizione, l'uovo o le uova sode che ne decorano la superficie vengono racchiuse all'interno di alcuni lembi di pasta, in modo da assicurarle al pane. Infine, il piccillato va spennellato con del tuorlo d'uovo battuto. È proprio questo procedimento a garantirne il tipico colore dorato.

Le origini del piccillato


Se sei un amante delle tradizioni lucane, devi assolutamente assaggiare questa ricetta semplice ma gustosa, tuttora realizzata da migliaia di mamme e nonne almeno una volta all'anno. Ma quali sono le sue origini? La pietanza, con tutta probabilità, nasce dall'incontro tra la cultura contadina lucana e quella arbëreshë, importata in Basilicata dagli antichi coloni provenienti dalla vicina penisola balcanica. In passato, la variante dolce del piccillato veniva decorata con la frutta secca, mentre la versione rustica viene tradizionalmente consumata con salumi, formaggi e uova sode. La tradizione lucana impone che il piccillato venga consumato durante la colazione e il pranzo di Pasqua. Anticamente, la preparazione del piccillato cominciava diversi giorni prima della Pasqua, in modo da produrne a sufficienza per donarli anche a parenti e amici. In genere, le donne di casa cominciavano a preparare gli impasti il martedì o il mercoledì santo: ciò che avanzava dell'impasto, invece, veniva impiegato per produrre particolari cestini di pasta intrecciata destinati ai bambini.

Lascia un commento

Nota bene: i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione.